Vitigno Calabrese



Questo è il nome con cui questa cultivar prestigiosa è iscritta nel Registro Nazionale delle Varietà di Vite, anche se ormai in Calabria è coltivata in maniera significativa solo nella fascia ionica della provincia di Reggio Calabria nel territorio della DOC Bivongi, infatti, delle 12 DOC presenti sul territorio regionale, è questa l’unica denominazione che ne prevede l’utilizzo.
Le ottime caratteristiche qualitative di questa cultivar, per contro, hanno fatto si che divenisse uno dei principali vitigni siciliani, tanto da renderlo famoso con il nome di Nero D’Avola e, negli ultimi anni, la sua presenza è in grande aumento in tutto il territorio nazionale.

Caratteri distintivi

Acino: medio o medio-piccolo con buccia poco spessa di colore nero, ellissoidale con polpa dal sapore gradevole, dolce e giustamente acido con sentori speziati.

Grappolo: di forma conica e dimensione medie, spargolo, spesso con presenze di ali (grappolini secondari ai lati di quello principale).

Epoca di Maturazione: seconda decade di settembre.

Questa cultivar, nelle condizioni pedoclimatiche del sito scelto per il suo impianto, trova le condizioni ottimali per esprimere al meglio le qualità intrinseche della varietà, questo permette di accumulare elevate quantità di zuccheri (anche superiore ai 230 g/l) ma anche di mantenere un pH relativamente basso e una acidità totale sufficientemente alta, caratteristiche queste ultime, importantissime nel determinare l’attitudine all’invecchiamento del vino.