Rosso dell'arciprete


L’Arciprete Pasquale Oppedisano, grande conoscitore e cultore della vitivinicoltura, era lui ad occuparsi in prima persona della gestione dei vigneti di famiglia e nello stile del suo carattere, asciutto e “dolcemente burbero”, non permetteva che vi fossero ingerenze esterne. Unica deroga era quella concessa ad una Zia, che rimasta nubile viveva in casa con lui, alla quale tutti gli anni veniva riservato qualche filare di vigna per la produzione del “Rosolio”. Così veniva chiamato un vino dolce che la Zia otteneva dalla vinificazione di uve parzialmente appassite e miscelate, secondo una sua ricetta segreta, con erbe spontanee di montagna.
In famiglia si racconta che quando l’Arciprete era particolarmente di malumore o più “ruvido” del solito, la Zia per addolcirlo ricorresse al rosolio, che come per incanto riusciva in breve tempo a rasserenarlo.
In ricordo di questi fatti e di questi personaggi della famiglia Oppedisano si è deciso di produrre il Rosso dell’Arciprete, ottenuto da una vendemmia tardiva di uva Calabrese vinificata in purezza.
Si tratta di un vino amabile caratterizzato dalla presenza di zuccheri residui e da intensi profumi di marasca che poi si aprono in suadenti aromi di cacao e liquirizia dolce, che oltre ad inebriare lo rendono unico. Infatti, la peculiarità di questo vino è che pur ricordando, i vini passiti, per la consistenza e la dolcezza, si differenzia da questi perchè essendo ottenuto da uve a bacca rossa presenta un quadro aromatico completamente diverso dai passiti, che solitamente vengono prodotti con uve bianche.
Ideale con la pasticceria secca e i dolci con confettura di frutta rossa, ma da provare anche con i formaggi stagionati e con ricotte guarnite con miele.

Rosso dell'arciprete


Nome del vino: Rosso dell'arciprete

Comune di produzione: Tenuta Oppedisano-Caulonia

Regione di Produzione: Calabria

Uve: Calabrese Nero 100% (vendemmia tardiva)

Tipologia del Terreno: argilloso, calcareo

Sistema di Allevamento: cordone speronato (4.300 pt/ha)

Resa per ettaro al raccolto in uva: 60/q/ha

Epoca di vendemmia: seconda decade di ottobre

Grado Alcolico: 14,6° + 10% residuo zuccherino

Rosso dell'arciprete