Caulonia

 

Il comune di Caulonia comprende un vasto territorio (come superficie è il terzo comune della provincia di Reggio Calabria) che si estende dal mare Ionio allo spartiacque, posto sulle cime dei monti, al confine con la provincia di Vibo Valentia. Da lì si aprono incantevoli scenari a trecentosessanta gradi che permettono di scorgere sia la costa ionica che quella tirrenica. Oltre al centro storico di Caulonia, posto a circa 200 m slm e a 9 km dal litorale, dove sorge la più recente Caulonia marina, sparse nel territorio si rinvengono numerose frazioni, più o meno grandi, a testimonianza di una cultura e di una economia indissolubilmente legata all'attività primaria (agricoltura, pastorizia e forestazione).
Lungo le pianure alluvionali dei torrenti Allaro e Amusa si rinvengono gli agrumeti che hanno reso famosa Caulonia in tutti i mercati ortofrutticoli, sulle colline retrostanti predominano gli uliveti ed i vigneti, che gradatamente lasciano il posto alle essenze boschive, una volta che si sale di quota.
A dimostrazione di una antica tradizione enologica e di una riconosciuta attitudine alla produzione vitivinicola di pregio, l'intero territorio di Caulonia, sino ad una altitudine di 600 m slm, rientra nell'areale di produzione della DOC Bivongi.
Con molta probabilità l'espansione della coltura della vite nel nostro areale affonda le sue radici nell'antica Kaulon, ma a testimonianza che a Caulonia la viticoltura fosse praticata fin da tempi remoti ci sono i ritrovamenti di arcaici palmenti, vasche scavate nella roccia arenaria, utilizzate come strumenti primitivi di pigiatura e sgrondo del mosto.
Si presuppone che le opere siano di epoca neolitica o pre-ellenica e talora risalenti ad epoca bizantina.
Per approfondire: La tradizione enologica della Magna Grecia.